Deficit e riabilitazione dell’attenzione

demenza alzheimer deficit cognitivi
Lesioni cerebrali e deficit cognitivi acquisiti: cosa sono, come intervenire
novembre 24, 2017
Deficit e riabilitazione delle funzioni esecutive
gennaio 11, 2018

Deficit e riabilitazione dell’attenzione

Cos’è l’attenzione?

L’attenzione si riferisce a molteplici processi cognitivi che sottostanno a specifici meccanismi neurali. L’insieme di tali processi rende possibile il monitoraggio di eventi esterni e interni al nostro corpo in modo da fornire un output di risposta ad essi adeguato.

Com’è possibile che siamo capaci di ascoltare la radio e contemporaneamente guidare? Oppure intrattenere una conversazione con un amico in mezzo ad una festa piena di altre persone che chiacchierano e mentre la musica è alta? Questi semplici esempi quotidiani ci fanno capire come i processi attentivi, caratterizzati da una dimensione di selettività e di intensità, svolgano un ruolo fondamentale.

  • Processi “selettivi”: permettono di concentrare l’attenzione sugli stimoli fondamentali per un’attività che si sta svolgendo, ignorando stimoli irrilevanti.
  • Processi di “intensità”: permettono di mantenere l’attenzione attiva per tutta la durata delle azioni intraprese.

In relazione a queste due dimensioni dei processi attentivi, l’attenzione può essere divisa in 5 componenti funzionali.

Componenti legate all’intensità:

1 stato di allerta, ossia la semplice capacità di rispondere agli stimoli

2 l’attenzione sostenuta (o vigilanza), ossia la capacità di mantenere attivo uno schema di risposta per tutto il tempo necessario.

Componenti legate alla selettività:

3 l’attenzione focalizzata, ossia la capacità di identificare e isolare gli stimoli rilevanti ignorando i distrattori

4 l’attenzione visiva, è la capacità di svolgere in contemporanea due compiti distinti

5 l’attenzione alternante (o alternata), si riferisce alla capacità di spostare l’attenzione tra diversi compiti.

 

I processi attentivi hanno quindi la funzione di ottimizzare l’elaborazione delle informazioni. L’attenzione funge da “supporto”, modulando ogni altro processo cognitivo in atto (come la memoria, la percezione e così via).

 

I deficit di attenzione

Un deficit di attenzione comporta conseguenze sfavorevoli nella quotidianità rendendo difficoltoso anche le attività più semplici come la cura di se stessi, le relazioni interpersonali e nell’ambito lavorativo.

Tali deficit posso insorgere dopo cerebrolesioni acquisite dovute alle conseguenze di trauma cranici, lesioni cerebrovascolari ma anche a patologie cerebrali quali il morbo di Alzheimer e la sclerosi multipla. Le facoltà compromesse possono intaccare i tempi di reazione a stimoli anche in compiti molto semplici di allerta uditiva e visiva.

 

Riabilitazione dell’attenzione

Riabilitazione dell'attenzione

Una schermata dell’esercizio Attenzione Selettiva contenuto nel Neurotablet. Il paziente deve individuare gli stimoli target tralasciando quelli “distrattori”.

All’interno del Neurotablet sviluppato da Neurab è presente una suite contenente molti esercizi per la riabilitazione dell’attenzione. La costruzione di questa sezione si è basata sulla tassonomia delle facoltà attentive indicata in precedenza. Si hanno quindi paradigmi riabilitativi categorizzati in:

  • Allerta: ri-allena la capacità di reagire all’ambiente, rispondendo allo stimolo/agli stimoli sullo schermo;
  • Attenzione Selettiva: spinge il paziente a individuare uno o più stimoli in mezzo ad altri simili e concorrenti.
  • Attenzione Alternata: riabilita la capacità di modificare in maniera fluida il proprio oggetto attentivo, proponendo stimoli target che cambiano durante una sessione dell’esercizio.
  • Attenzione Divisa: allena la capacità di svolgere due compiti contemporaneamente, gestendo in maniera efficace le limitate risorse attentive a disposizione.

Si è inoltre creata la sezione Attenzione in modo da fornire un allenamento multisensoriale (visivo e acustico) delle forme di attenzione sopra elencate.

Per maggiori informazioni, contattaci!