Il Neurotablet si arricchisce con due nuovi esercizi

Tecnologie per la riabilitazione cognitiva – 6 ottobre – Ospedale Borgo Roma – Verona
settembre 27, 2016
Lo studio pilota del Neurotablet tra gli abstract del XVII Congresso SIRN
aprile 4, 2017

Il Neurotablet si arricchisce con due nuovi esercizi

Tangram e Tracciamento Profili rendono ancora più completa la suite di esercizi per la riabilitazione di deficit percettivi all’interno Neurotablet.

 

Il team di Neurab ha ampliato la proposta di paradigmi neuroriabilitativi presenti all’interno del Neurotablet con due nuovi esercizi, Tangram e Tracciamento Profili. Entrambi appartengono all’area “Percezione” e in particolare sono utili alla riabilitazione delle agnosie, ovvero dei disturbi cognitivo-percettivi che si traducono in difficoltà di costruzione e integrazione di caratteristiche visive.

 

TANGRAM

Il primo esercizio propone al paziente dei puzzle con i pezzi del Tangram. Il paziente deve ricostruire la figura che vede sullo schermo usando i pezzi a sua disposizione. Scopo dell’esercizio è spingere il paziente a segregare una figura in differenti forme, e ricostruirla utilizzando i pezzi forniti.

Tangram si compone di 31 livelli, utilizza 12 differenti pezzi semplici e 210 pezzi composti, ovvero puzzle fatti con le forme semplici. L’esercizio è stato progettato per venire incontro anche alle difficoltà di pazienti con danni molto gravi, permettendo (se il terapeuta lo ritiene opportuno) di procedere nell’esercizio tramite un aiuto.

 

TRACCIAMENTO PROFILI

Lo scopo dell’esercizio è riconoscere le forme presentate sullo schermo e ripercorrere con il dito il loro profilo. L’algoritmo riconosce il tracciato fatto dall’utente e lo confronta con la forma sottostante. Se questo è entro certe soglie sarà considerato esatto, altrimenti errato.
Le forme vengono rotate e sovrapposte con difficoltà crescente nei 196 livelli dell’esercizio, completamente personalizzabili (per stimoli, rotazione e sovrapposizione) dal terapeuta.

 

Entrambi gli esercizi, inoltre, basano sull’errorless learning, allo scopo di rieducare correttamente il paziente ed evitare che apprenda strategie disfunzionali.

 

Scopri di più sul Neurotablet o contattaci per un preventivo!